Palermo, settembre 2021: finalmente disponibile il piano di spazzamento

Incompleto e poco usabile, ma finalmente un segno di normalità e rispetto

Da 6 anni chiedo alla RAP — la municipalizzata che gestisce la nettezza urbana per il Comune di Palermo—di informare la cittadinanza sul piano di spazzamento previsto per le strade di questa città. Finalmente è stato pubblicato.

Non informare gli/le aventi diritto a un servizio è grave, è una profonda mancanza di rispetto, è scavare un solco tra le parti. E questo aldilà di tutte le norme vigenti e/o dei punti previsti in contratto: informare è un requisito di base, essere informati è un diritto.

Mi sento un noioso, bacchettone, illuso a scrivere tutto questo, perché in questi 6 anni di richieste di qualcosa di essenziale, ho avuto in modo ripetuto questo tipo di risposte:

  • dall’azienda, non risposte o non nel merito;
  • “il piano c’è, non fare il fissato …”. Vero, ma era un documento inviato dall’azienda a qualche consigliere comunale; insomma era qualcosa di “privato”, non visibile da nessuna/o;
  • il silenzio dalla “Commissione Speciale — Garanzia e Trasparenza” del Comune di Palermo, a cui ho scritto due volte questa estate;
  • l’azienda ha problemi più grossi, non ti può rispondere su queste cose”. E qui mi faceva rabbia constatare come il vuoto informativo non fosse considerato qualcosa di molto grosso;
  • “sono previste queste frequenze di spazzamento, per tipologia di strada”, senza indicare il nome di alcuna strada;
  • “se fai queste richieste, fai un favore all’opposizione”;
  • è colpa del Comune di Palermo: la pubblicazione “avrà luogo non appena il Comune di Palermo predisporrà le zone di rimozione necessarie per la resa ottimale dei servizi di spazzamento”.

Queste e altre risposte mi hanno fatto e mi fanno sentire solo. Non voglio fare né il santo, né l’eroe (sono molto spesso tutto l’opposto), ma con aziende, uffici comunali, commissioni di garanzia, compagne/i di lotte politiche, che danno questi riscontri su una richiesta così evidentemente essenziale, molte/i si sentirebbero come me.

Il 17 settembre 2021 la RAP ha pubblicato il comunicatoPubblicato sul sito aziendale il piano di spazzamento per itinerari di prima e ottava circoscrizione della città di Palermo”.

Finalmente si può leggere qualcosa come:

i palermitani hanno il diritto di conoscere le frequenze del servizio erogato presso il proprio domicilio, e finalmente l’azienda si doterà di un piano di spazzamento completo che coinvolgerà tutte le circoscrizioni

È un diritto, e finalmente diventa efficace.

Negli anni ho chiesto di andare oltre la pubblicazione di un PDF, fatto soltanto da un lungo elenco di nomi strade e frequenze. E nel comunicato si legge:

Al fine di agevolare ancor di più la consultazione del piano di spazzamento — spiega l’Amministratore — all’interno del sito istituzionale della Rap, nei prossimi giorni, sarà realizzata un’apposita pagina interattiva nella quale, attraverso una semplice ricerca testuale della via verranno visualizzati i correlati dettagli della frequenza del servizio previsto, con un estratto di mappa stradale geo referenziato.

È pubblicato su 2 file PDF:

Con l’aiuto di Gianni, in attesa della versione di RAP, ho creato una pagina interattiva in cui basta inserire il nome della strada per conoscere la frequenza di spazzamento prevista. Ho inserito soltanto il piano ufficiale, ovvero quello per circoscrizioni I e VIII.

Piano spazzamento Circoscrizioni I e VIII

Adesso so che nella mia strada è previsto lo spazzamento settimanale. Sono informato e quindi sono più forte, sono più contento.

Adesso potrò:

  • fare delle segnalazioni di mancato spazzamento non “da bar”, non da “sindaca/o cornuta/o”, ma giuste. Ed è un bene per me, per l’azienda, per chi governa la città;
  • rallegrarmi e condividere con altri il piacere del riscontro del rispetto della frequenza. Ed è un bene per me, per l’azienda, per chi governa la città.

Quest’ultimo punto sembra da utopista imbecille. Ma l’azienda — PRIMA NON ERA COSÌ — si è presa finalmente un doveroso e obbligatorio impegno pubblico e penso che farà di tutto per assolverlo.

È stato rispettato il diritto delle persone a essere informate. È una gran cosa.

1️⃣ Il Piano di Spazzamento è pubblicato in PDF, ma — sembra incredibile — non consente di fare ricerche testuali. Quindi bisogna fare un viaggio indietro nel tempo a decine di anni fa, sfogliare le pagine e cercare la propria strada. Chiedo a RAP di pubblicare subito, visto che è già in suo possesso, la versione con il testo ricercabile del piano.
È cosa immediata, basta volerlo fare.

2️⃣ Vorrei che tutti i file relativi al piano spazzamento fossero pubblicati anche come open data, in formati leggibili meccanicamente: l’elenco delle strade e della frequenza sia come tabella (in formato CSV, o altro come previsto dalle norme nazionali), che come file cartografico (in formato shapefile, o altro come previsto dalle norme nazionali).
Questo consentirà a giovani e adulte/i, a chi fa ricerca, business, giornalismo, ecc., di creare applicazioni per smartphone e siti web che consentano di informare le persone sullo spazzamento. Entro un mese dalla pubblicazioni di questi dati, uscirebbe l’applicazione in cui rivolgendosi allo smartphone si potrebbe avere risposta alla domanda “Quando è previsto lo spazzamento qui?”.
È cosa semplice, basta volerlo.

3️⃣ Vorrei anche che fosse reso disponibile pubblicamente sul web il registro delle attività di spazzamento svolte. Quindi oltre al “diario” previsto, quello che si è riuscito a realizzare.
Se fosse l’azienda che fa pulizia a casa nostra, lo daremmo per scontato, come qualcosa di dovuto.
La RAP ha l’obbligo di fornire questa informazione al Comune: chiedo a RAP e/o al Comune di renderla pubblica.
È cosa semplice, basta volerlo.

4️⃣ Il Comune di Palermo — vedi contratto di Servizio con RAP — ha il compito di “creare canali per gli utenti di segnalazioni ad hoc del mancato rispetto delle attività programmate da RAP in tema di spazzamento”.
Chiedo al Comune di rispettare quanto previsto dal contratto.
Non è cosa immediata, ma io tante/i altre/i siamo a disposizione per dare una mano nel definire il funzionamento di questo servizio.

La RAP finalmente ha dato una risposta.
Raramente una risposta può da sola migliorare qualcosa: ciò che può farlo è la connessione (fonte).
Quest’ultima è la cosa che è mancata di più in questi anni. Questo cambio di passo è un’occasione per costruire e rendere più robusti i ponti che connettono la città, con la macchina comunale e le aziende.

P.S.: a proposito del punto 2️⃣, Gianni Vitrano ha già realizzato una mappa interattiva per leggere la frequenza di spazzamento.

L’articolo è finito, poco sopra. Da qui in poi è noiosa documentazione: ho inserito il registro minimo delle mie azioni relative alla pubblicazione del Piano Spazzamento della RAP.

Il registro delle mie richieste

Ho inviato una PEC per chiedere informazioni sul piano spazzamento. In risposta, ottengo il messaggio di sotto, che fa riferimento a questo PDF (l’URL originale non è più attivo).

La risposta non consente di conoscere il piano di spazzamento previsto per una specifica strada.

Vista la risposta avuta con la PEC precedente, ne scrivo una seconda:

Mi avete indicato di fare riferimento a questo documento:
http://www.rapspa.it/temp/index_file/spazzamento/stralcio.pdf

Purtroppo non è utilizzabile.
Si trovano indicate 6 tipologie di strade con frequenze distinte, ma non è possibile sapere quale sia la tipologia di associare ad una determinata strada, e quindi quale sia la frequenza di spazzamento di un tratto di rete di proprio interesse. “Via Leopardi” con che frequenza viene spazzata? E “Via Cesareo?” E “Viale delle Magnolie”? E “Via dei Nebrodi”?

Vi chiedo pertanto di fornire un documento che consenta di superare questa barriera informativa, con l’elenco delle strade cittadine associate alle tipologie e quindi alle frequenze.
E vi invito a pubblicarlo anche online (così come questo vostro vecchio file ancora online

Questa mia seconda non ottiene alcuna risposta.

Scrivo al Comune di Palermo questa PEC:

Si chiede la pubblicazione dei “turni di spazzamento” sul vostro sito in Amministrazione Trasparente, nella sottosezione “atti amministrativi generali”, che si trova nel percorso Amministrazione Trasparente/Disposizioni Generali/Atti Generali/Atti Amministrativi generali, dove devono stare (come da elenco obblighi by ANAC) le “ Direttive, circolari, programmi, istruzioni e ogni atto che dispone in generale sulla organizzazione, sulle funzioni, sugli obiettivi, sui procedimenti”. Colgo l’occasione per sottolineare come aldilà degli obblighi di legge, questa sia un’informazione di quelle primarie.

E il Comune mi risponde NO, come sotto.

Vista la mancata risposta del Comune alla PEC precedente, scrivo di nuovo a RAP, chiedendo di pubblicare i turni di spazzamento con un’istanza di accesso.

RAP mi risponde così:

In riferimento all’allegata istanza di accesso di cui all’oggetto si trasmtte uno stralcio della carta dei servizi 2019 della Società relativo al servizio di spazzamento delle strade cittadine, con indicazione dei turni di lavoro e degli itinerari.

Si precisa che il citato documento è pubblicato nel sito internet societario nella sezione amministrazione trasparente/servizi erogati/carta di servizio e standard di qualità.

Cerco allora e trovo la carta dei servizi, ma non contiene niente di utile e rispondo così a RAP:

Nella carta dei servizi che avete indicato (https://trasparenza.rapspa.it/archiviofile/rapspa/carta_dei_servizi_2019.pdf) trovo le informazioni dell’immagine sottostante (NdR, quella a seguire).
Come faccio da questa a capire quando per una certa strada è previsto lo spazzamento? Dove sono i dettagli sugli 842 itinerari?

Non ottengo alcuna risposta a questa richiesta.

Scrivo via PEC una richiesta di accesso generalizzato a RAP:

Buongiorno,
questa PEC per chiedervi di inviarmi il Piano di spazzamento vigente per la città di Palermo. Allego la richiesta di accesso generalizzato.

Si coglie l’occasione per chiedervi altresì di pubblicare il suddetto piano di spazzamento, anche sul sito web di RAP, così come previsto dall’Allegato 1 del Contratto di Servizio, che allego e che è disponibile qui; sotto un’anteprima in cui la pubblicazione è uno degli obblighi previsti.

Per essere fruibile è bene che sia pubblicato sia come foglio elettronico, che come file cartografico.

Sulla sezione spazzamento (http://www.rapspa.it/site/spazzamento/) del sito di RAP, non c’è nulla che abbia a che fare con il piano.

Darò nota di questa richiesta anche alla Commissione Speciale — Garanzia e Trasparenza del Comune di Palermo.

Mi rispondono così:

In riferimento alla richiesta di cui all’oggetto, si comunica che la pubblicazione della programmazione dei giorni e degli itinerari di spazzamento nel sito web istituzionale della RAP S.p.A., di cui alla scheda tecnica del vigente Contratto di servizio che disciplina i rapport contrattuali tra la RAP e I' Amministrazione Comunale di Palermo avrà luogo non appena il Comune di Palermo predisporrà le zone di rimozione necessarie per la resa ottimale dei servizi di spazzamento. Inoltre la programmazione dei giorni e degli itinerari è al momento al vaglio del managment aziendale, atteso che si è appena conclusa la procedura ad evidenza pubblica relativa al noleggio di nuove spazzatrici e la Società sta rimodulando gli itinerari per utilizzare al meglio i mezzi noleggiati.

La RAP non può fissare i turni, per una mancanza del Comune di Palermo.

Il 15 luglio, insieme ad altre persone, scrivo alla “Commissione Speciale — Garanzia e Trasparenza” del Comune di Palermo questo testo, con diverse proposte e spunti.

Chiediamo essenzialmente alla commissione di unirsi a una richiesta che dovrebbe essere patrimonio di tutti:

Vi scriviamo per mettervi a conoscenza di quelle che per noi sono delle gravi lacune di trasparenza in termini formali e sostanziali e per chiedere che la Commissione sostenga le nostre richieste e proposte.
Il tema principale è quello dei giorni e degli itinerari di spazzamento (meccanico e manuale) di RAP per la città di Palermo.

Uno dei firmatari di questa ha già inviato da pochissimo una richiesta di Accesso Generalizzato, per avere inviato il Piano di Spazzamento corrente per la città di Palermo.

Chiediamo alla Commissione di sollecitare RAP affinché realizzi una trasparenza che sia efficace e crei un ponte tra la cittadinanza, la Pubblica Amministrazione e le aziende municipalizzate.
Ad oggi, le uniche informazioni sullo spazzamento disponibili sul sito web della RAP sono queste:
http://www.rapspa.it/site/spazzamento/

La commissione e nessuno dei suoi membri ha mai risposto. Ho anche provato a sollecitare nuovamente, ma nulla.

Barbara Evola, consigliera comunale, capogruppo di Sinistra Comune, scrive per conto del suo gruppo consiliare una richiesta a RAP, per la pubblicazione dei dati sullo spazzamento:

[…]per un adeguamento dell’Amministrazione Comunale alle attuali esigenze della comunicazione e della partecipazione consapevole delle cittadine e dei cittadini rispetto alla pubblicità del servizio di spazzamento. Riteniamo, difatti, che “Informare la cittadinanza sia molto di più dell’esito di un obbligo di pubblicità. Una cittadinanza consapevole e un’Azienda che informa bene sono il presupposto propedeutico per un rapporto maturo e di scambio tra le parti”.[…]

Vista la risposta alla mia precedente richiesta di accesso generalizzato del 15 luglio 2021, scrivo quest’altra richiesta:

Buongiorno,
vi scrivo per chiedervi qual è il piano di spazzamento dettagliato corrente, nelle modalità attualmente svolte, per la città di Palermo: per ogni strada, che frequenza e in che modalità.

Non appena il Comune di Palermo predisporrà le zone di rimozione necessarie per la resa ottimale dei servizi di spazzamento, vi chiederò di inviarmi il nuovo piano aggiornato.

Ma nell’attesa, inviatemi per cortesia il corrente.

URL utili

#data #maps #GIS #baci #condivisione. Orgoglioso di essere presidente di @ondatait

#data #maps #GIS #baci #condivisione. Orgoglioso di essere presidente di @ondatait